Hotel Miramare
Hotel Miramare
“La disputa tra il giorno e la notte non è ancora iniziata; io, malgrado il chiarore predominante, ho acceso la luce sulla scrivania e, socchiudendo appena gli occhi per l’aumentato chiarore, ho iniziato a riflettere. Il tempo è passato, il tempo è cambiato. E le cose. O meglio; il modo di vederle, interpretarle, sentirle. La morbidezza di un tempo, la lieve curvatura che l’ombreggiare preserale, rendeva i contorni docili alla mano che li accarezzava e seguiva come un percorso ineluttabile, ma sicuro, lascia ora il posto ad una nettezza sinora sconosciuta; dura e spietatamente decisa, mi sovrasta e mi respinge con una tristezza appena accennata, ma profonda e pungente. Come l’aria. Il tempo: ecco il suo corso, la sua corsa attraverso un mutamento apparentemente costante, ma in realtà avanzante a scatti repentini, nel momento esatto in cui noi lo recepiamo. Le tre penne posate da tempo sul tavolo non scrivono; la matita è spuntata. La confusione sembra a tratti dipanarsi, per aprirsi ad una lucidità troppo voluta per essere duratura. È necessario accendere il computer. Il tempo è cambiato”.
Autore: Guido Schermi
Editore: Aemme Publishing
Anno: luglio 2008
Edizione: prima
ISBN: 978-88-903641-2-9
Prezzo: € 10,00
Collane: Tracce e fenomeni